Mutui a confronto
Mutui a tasso fisso
Mutui a tasso variabile
Mutui a tasso misto
Mutui ordinati per banca
 

Capire i mutui
I mutui casa
Il mutuo fondiario e altri tipi di mutuo
Tasso fisso, variabile o misto ?
Il piano di ammortamento
Imposte mutuo e agevolazioni fiscali
I costi del mutuo e le spese notarili
Ipoteca
Estinzione mutuo
FAQ
Glossario
Consigli utili

 


Mutuo a tasso fisso o variabile ?

La scelta del tasso è un fattore fondamentale per la futura serenità del mutuatario, tale scelta infatti si riflette oltre che sul costo del finanziamento (totale interessi da pagare), anche sul bilancio familiare e quindi sul tenore di vita.

Pertanto, prima di valutare la convenienza economica un mutuo è necessario fare alcune considerazioni di tipo soggettivo per chiarire quali siano le nostre reali esigenze: non sempre il mutuo “migliore” è quello che al momento ha il tasso più basso. Occorre valutare altri elementi quali: il reddito mensile, la propensione al rischio, il tipo di lavoro, ecc. Ad esempio:

un mutuo a TASSO FISSO è indicato quando:

  • si vuole pagare rate uguali e conoscere da subito l’ammontare complessivo del debito
  • si prevede un aumento dell’inflazione e quindi dei tassi
  • il richiedente è un lavoratore dipendente con uno stipendio medio

un mutuo a TASSO VARIABILE quando:

  • si vuole rischiare sull’andamento dell’economia sfruttando l’iniziale tendenza al ribasso dei tassi
  • si prevede un calo dell’inflazione
  • il richiedente ha un reddito medio alto
  • si è disposti a sostenere rate più elevate in caso di aumento dei tassi

E’ possibile fare ulteriori valutazioni consultando le sezioni della guida teorica, in particolare: “mutuo a tasso variabile, “vantaggi del variabile”, e “mutuo a tasso fisso”.


 

 

 

 

 

Privacy - Cookie Policy