Mutui a confronto
Mutui a tasso fisso
Mutui a tasso variabile
Mutui a tasso misto
Mutui ordinati per banca
 

Capire i mutui
I mutui casa
Il mutuo fondiario e altri tipi di mutuo
Tasso fisso, variabile o misto ?
Il piano di ammortamento
Imposte mutuo e agevolazioni fiscali
I costi del mutuo e le spese notarili
Ipoteca
Estinzione mutuo
FAQ
Glossario
Consigli utili

 

Finanziamenti Ikea privati, business e giovani: come accedere?

Tra le numerose iniziative che il colosso svedese riserva ai propri clienti troviamo anche una buona scelta di finanziamenti Ikea. E’ doveroso premettere che si tratta di forme di finanziamento finalizzato all’acquisto del suo arredamento, erogate tramite accordi con prestigiose società finanziarie e/o banche che, nel panorama italiano, vedono un lungo sodalizio con la Findomestic.

Le condizioni dei finanziamenti Ikea cambiano a seconda del periodo promozionale ed in funzione dei destinatari, prevedendo tre condizioni differenti a seconda che si tratti di prestiti:

  • riservati all’area business;
  • per i privati;
  • in modo più specifico ai giovani.

Tra le promozioni troviamo spesso prestiti a tasso zero oppure condizioni vantaggiose destinate ai possessori della carta Ikea Family o Ikea Business.

Quando le promozioni?

Se alcuni periodi sono caratterizzati da iniziative costanti da parte di Ikea, come ad esempio quelli dei ‘sotto costo’, nell’ambito dei finanziamenti le logiche che portano a offerte con tassi più o meno vantaggiosi sono però condizionati dall’accordo che Ikea riesce a trovare con Findomestic.

Non è quindi possibile sapere a priori i periodi più ricchi di promozioni, anche se il 2017 in particolare è stato un anno molto vivace da questo punto di vista. Le offerte sui prestiti non sono condizionate dalle scelte dei vari negozi, ma hanno carattere normalmente di tipo nazionale. Questo significa che se ci si rivolge ad un negozio a Torino, almeno per il finanziamento, si avranno le stesse che si otterrebbero a Roma, Padova o altro punto vendita.

In più, con qualche limitazione, si può spesso acquistare a rate anche online, anche se in questo caso alcuni prodotti potrebbero essere esclusi. Per ‘scoprirli’ bisogna fare l’acquisto e poi procedere con la richiesta del finanziamento e vedere se il sistema si blocca perché sono stati inclusi dei prodotti non previsti o accettati.

A tasso zero: è possibile?

Come già accennato in alcuni periodi promozionali è possibile richiedere anche un finanziamento Ikea tasso zero. In alcuni casi il Tan è zero mentre il Taeg si scosta di qualche punto percentuale mentre in altri si ha un tasso zero reale, come quello che avrà termine al 26 Novembre 2017.

Le opinioni su questo tipo di condizioni non possono che essere positive proprio perché si acquista il reale prezzo (o costo) di acquisto. Non solo spesso sono finanziabili anche le spese di trasporto.

Bisogna fare maggiore attenzione alle restrizioni che possono essere applicate per gli acquisti fatti sul sito Ikea, non è detto infatti che le condizioni siano le stesse applicate a con la promozione del momento. Si tratta di informazioni che devono essere fornite in modo chiaro e trasparente quindi prima di procedere alla richiesta è preferibile prendere qualche minuto per leggere le reali condizioni che saranno applicate.

Condizioni per la richiesta dei prestiti

Come già più volte evidenziato i finanziamenti Ikea sono concessi, da alcuni anni, tramite la collaborazione con Findomestic. In negozio quando si richiede l’acquisto con finanziamento il dipendente preposto di Ikea avvierà solo l’iter per la richiesta di prestito ma poi sarà Findomestic a decidere se deliberare in modo favorevole o sfavorevole. Se la richiesta viene fatta on line, in modo autonomo si seguiranno i passi per la formalizzazione della richiesta del finanziamento direttamente con Findomestic che, logicamente, provvederà anche alla valutazione.

Per poter far partire la richiesta di finanziamento bisogna avere, come requisito oggettivo necessario, un preventivo sui mobili che si vogliono finanziare (viene rilasciato nei vari punti dislocati nel negozio, facendo la “prenotazione” non vincolante di alcuni mobili finanziabili). Se il finanziamento è negato o si sceglie un modo differente di acquisto oppure si deve rinunciare all’acquisto.

Quali prestiti sono disponibili?

Per semplicità vengono individuati tre gruppi di finanziamenti Ikea che sono:

  • prestiti per privati: sono stati pensati per tutti coloro che acquistano alcuni componenti per l’arredamento della casa per uso privato (quindi no uffici, negozi, ecc);
  • prestiti per giovani: è la sottocategoria dei finanziamenti per i privati, destinati ai giovani under 34 anni ai quali sono riservate alcune agevolazioni per semplificare l’accesso (anche a chi ha contratti di lavoro più rischiosi);
  • prestiti per il business: dedicato a chi vuole finanziare l’acquisto di complementi di arredo per uffici, negozi, ecc.

Vediamo ora le caratteristiche dell’offerta in maniera più approfondita.

Prestiti per privati

Si tratta di finanziamenti che possono essere richiesti se si ha un reddito dimostrabile oppure un garante che lo ha. L’importo finanziabile va da un minimo di 300 euro ad un massimo di 10 mila euro (dati da sito ufficiale Ikea – data 10/10/2017). Si tratta di soglie che possono subire delle modifiche nel tempo ma che comunque sono abbastanza standard.

Le condizioni dei finanziamenti Ikea dipendono ovviamente da quelle previste nel regolamento del finanziamento in corso e se sono frutto di particolari promozioni o se hanno carattere più generale. Anche in questo caso si tratta di informazioni da controllare attentamente e da valutare al momento del bisogno.

I documenti necessari per procedere alla richiesta dei finanziamenti Ikea per i privati sono:

  • un documento di identità in corso di validità;
  • il codice fiscale o la tessera sanitaria. Se si ha la carta d’identità elettronica non serve anche il codice fiscale (stesso discorso se si ha la tessera ministeriale elettronica);
  • i cittadini stranieri extracomunitari devono presentare in aggiunta anche il permesso di soggiorno, mentre per quelli comunitari può essere richiesta la residenza contestuale oppure l’attestazione di residenza anagrafica o una bolletta di un’utenza intestata a se o a qualche familiare (al massimo di tre mesi prima);
  • un documento attestante il reddito: come l’ultima busta paga, il foglio compensi, il Modello Unico (se si è lavoratori autonomi o professionisti), il Modello OBIS / 01M dell’INPS, il cedolino della pensione di altri enti (oppure il Cud o 730 per i pensionati);
  • il numero alfanumerico dell’Iban del conto corrente per l’addebito delle rate del finanziamento.

Prestiti per gli autonomi

Possono essere previsti documenti differenti a seconda del tipo di richiedente (ad esempio se ditta individuale, società di persone o di capitali). Tutti devono presentare comunque lo stesso modulo privacy. I documenti che possono essere richiesti sono:

  • Documento d’identità e Codice Fiscale di coloro che hanno i poteri di firma (legale rappresentante);
  • per gli studi associati è richiesto anche l’atto costitutivo;
  • per le ditte individuali è obbligatorio il certificato di attribuzione della partita Iva;
  • per tutti (dalla ditta individuale alla società di capitali) va presentato il Modello Unico dell’ultimo anno, e il modello Irap (per quest’ultimo fanno eccezione gli studi associati e le ditte individuali o i professionisti). Con i modelli Unico e Irap vanno allegate anche le ricevute attestanti la loro presentazione all’Agenzia delle Entrate;
  • per le società, deve essere presentato anche il bilancio di esercizio (comparato più nota integrativa per le sole società di capitali).

Prestiti Formula Giovani

I giovani di età tra i 18 anni ed i 34 anni, con un reddito dimostrabile (anche da contratto a tempo determinato) possono approfittare di questa formula che rende più agevole l’accesso al credito. Al massimo si possono finanziare 5 mila euro da restituire non oltre 30 mesi. Per la lista dei documenti valgono quelli già indicati nella sezione del Prestiti Per Privati (dati da sito ufficiale Ikea – data 10/10/2017).

Esempio di promozione Ikea

Fino al 26 novembre 2017, viene offerta la possibilità di richiedere finanziamenti Ikea a tasso zero effettivo. Per rendersi conto che si tratta di un prestito con tan e taeg a zero si può fare una simulazione direttamente dal sito. Si può immediatamente constatare che al prezzo acquistato non saranno applicati interessi, indipendentemente dalla somma o dalla durata scelta (ovviamente sempre all’interno degli importi finanziabili e delle durate rimborsabili). L’importo massimo che può essere finanziato con questa promozione è di 10 mila euro.

Come si vede dagli esempi se scegliamo proprio di rimborsare 10000 euro le rate, in 20 mesi, saranno di 500 euro l’una.

Se scegliamo 1000 euro da rimborsare sempre in 20 rate, le rate saranno di 50 euro l’una e così via.

(dati da sito ufficiale Ikea – data 10/10/2017)

Torna alla sezione principale Guida Finanziamenti.


 

 

 

 

 

Privacy - Cookie Policy