Benvenuti sul nostro forum: condividi le tue esperienze! (la registrazione non è obbligatoria)

 

Rispondi

Scrivi il tuo messaggio ed invia
Opzioni
Codice Autorizzazione

Inserisci il codice 888 nel campo sottostante, grazie


Clicca nella zona scura dell immagine per inviare il messaggio

Torna indietro

Anteprima discussione (le più nuove all'inizio)

rinosan
11-02-2010 17:57:02

In effetti confermo quanto dice Gabri, anzi lo conferma una fonte più autorevole, il sole24 http://rassegnastampa.mef.gov.it/mefeco … 14775344-1

gabri
01-02-2010 17:55:14

certo, ma occhio al rincaro sullo spread che in caso di tasso variabile rende più oneroso il mutuo sopratutto all'inzio, e occhio al rischio del tasso alla scaenza del modulo prescelto. il mio consiglio personale è fare  prima di tutto  un check up finanziario , per stabilire la capacità di rimborso reale, e poi scegliere la soluzione appropriata. in linea generale diciamo che gli eurirs a scadenze più brevi seguono un pò l'andamento del tasso variabile, quindi sicuramente partire adesso con un modulo fisso permette di risparmiare e di proteggersi dall aumento dei tassi che sopratutto nei primi anni incide di più sulla rata. per chi invece ha un margine di manovra maggiore sul reddito è bene che si orienti sul classico tasso variabile, anche perchè tutte le soluzioni proposte come alternative dalle banche, mutui con rimborso di soli interessi, rata crescente, rinegoziabile, non fanno altro che aumentare gli interessi complessivi del mutuo. altrimenti come vi spieghereste perchè le banche spingono su quei prodotti? smile

rinosan
01-02-2010 13:07:05

Magari considera anche una terza possibilità, quella del misto. In questo articolo riportano una simulazione che hanno fatto, e in certi casi risulta l'opzione migliore.
http://vitolops.nova100.ilsole24ore.com … to-20.html

gabri
06-03-2009 13:02:27

non sempre il taglio dei tassi ufficiali ha conseguenze positivo. se i tassi centrali sono bassi,ne beneficiano chi ha sottoscritto i mutui a tasso variabile,mentre piangono gli investitori. la crisi dei mutui subprime, è nata in parte proprio dalla scelta della Federal reserve di tenere i tassi bassi,
perchè facevano gola di più chi chiedeva il credito e meno agli investitori che spingevano per prodotti più redditivi.
così le banche di investimento hanno dato i mutui anche alla clientela subprime, che poi venivano impacchettati e trasformati in titoli obbligazioni.quelli più rischiosi e reddittizi per il mercato finanziario venivano mascherati in hedge fund ed altri prodotti derivati.
la stupidità delle banche che hanno concesso mutui al 100% nella convinzione che i prezzi delle case dovessero salire a tempo indeterminato ha fatto il resto,perchè quando la bolla immobiliare è scoppiata i prezzo sono crollati , la famiglia subprime ha smesso di pagare e quel meccanismo che garantiva il rimborso di quei titoli spazzatura si è interrotto e le banche di investimento si sono trovate improvvisamente a corto di liquidità.

io fin dall'inizio ho pensato che un taglio dei tassi così ingente era ssolutamente ingiustificato,perchè le stime dicono che per tutto il 2009 e forse per metà del 2010 il tasso di inflazione si manterrà al di sotto del 2%. se si è tagliato il tasso per immettere più liquiidità nel sistema e favorire la ripresa,bisogna anche dire che il mercato non sta usando a pieno tutta questa massa monetaria perchè i consumi sono fermi,i mutui pure a causa dello spettro della disoccupazione che avanza. c'è il richio che nel medio e lungo periodo tutta questa enorme quantità di liquidità provochi un esplosione dell'inflazione,con tutte le conseguenze che ben conosciamo.

tony
05-03-2009 21:52:05

Scegliere il piu' conveniente tra mutuo a tasso fisso oppure variabile, visto che si tratta di cifre considerevoli ed a lunga durata, penso sia come giocare al lotto, non si tratta di esperienza oppure " fiuto" in quanto nell'arco di 10/20 anni ed oltre puo' succedere di tutto sia nell'economia come nella politica. E' un po come fare le previsioni del tempo  a sei mesi. Comunque diamo un'occhita al passato, 10/15 anni fa il piu' con veniente sembrava il variabile in quanto si prevedeva una stabilita' nella politica mondiale come una ripresa dell'economia ( si puntava molto sui paesi emergenti che si sono dimostrati un flop) basti guardare le banche che hanno creduto in questi paesi, subito valore delle azioni in alto per poi stabilizzarsi e ripartire alle stelle mentre osserviamo il loro valore da un anno a questa parte. Faccio un esempio, Unicredit era partita da 2 € ( mi esprimo in € e non in lit per fare meglio la comparazione anche se bisognerebbe partire  dalle lit per poi fare il calcolo comparativo con l'€) dai 2€ inixiali siamo saliti  ai 3€ nel mag/giu 2004, dopo qualche anno di stabilita' su questo prezzo ( salvo piccole oscillazioni ) e' schizzata nel 2006 a 7€ per ridiscendere progressivamente fino a raggiungere il minimo storico di quresti giorni, sotto 1€. La stessa cosa si puo' dire della situazione politica mondiale, a partire dal motore trainante gli U.S.A. dopo le varie guerre del golfo, Aganistan ecc. nelle quali hanno calamitato anche altre importanti nazioni di ogni parte del globo e come se non bastasse ci hanno regalato anche la crisi delle loro banche. Ora per bloccare questa crisi si stanno diminuendo continuamente i tassi di riferimento pertanto se si fa una media in questo periodo delle fluttuazioni dei mutui a tasso variabile si uscirebbe certamente perdenti.

Caio
06-05-2008 15:32:53

Sia Banca per la casa di Unicredit sia Banca 24.7. Le durate arrivano anche a 50 per quello ma come interesse spread e assicurazioni il gioco non vale tanto la candela per pagare poco di meno di rata.

Caio
06-05-2008 15:30:44

Sono un mediatore creditizio e per come sta andando il mercato nessuno più stipula a tasso variabile a parte il fatto che il variabile a oggi è uguale al fisso se non superiore. Con i mutui attuali è possibile stipulare a tasso fisso con l opzione di cambiare tasso ogni tre o cinque anni a seconda del tasso di mercato del momento ovviamente senza spese e rimanendo all'interno dello stesso prodotto-banca. Il mio consiglio è questo. Stipuli con rata fissa e sai che puoi in qualsiasi momento sia versare un pò di liquidità senza spese per avere una rata inferiore e sia cambiare tasso di riferimento a scadenze prefissate per continuare col tasso più conveniente.

abba80
29-08-2007 11:57:39

Marko ha scritto:

RAGAZZI SAPETE SE ESISTONO MUTUI A TASSO FISSO SUPERIORI AI 30 ANNI E SE SI QUALE BANCA LI HA? GRAZIE

Sì, fai una ricerca veloce su Google smile (se non ricordo male Mutuo Spensierato di BNL è 30 anni fisso).

---

abba80
29-08-2007 11:54:43

still ha scritto:

Io e la mia ragazza vogliamo acquistare una nuova casa e purtroppo dovrò richiedere un mutuo,mi sembra che il tasso variabile sia molto più conveniente del fisso (intorno al 6%), ma durerà nel tempo (15 anni) Cosa mi consigliate ?
Grazie

Ciao,

ovviamente non è possibile dare una risposta definitiva a questa domanda: dipende molto dalle tue esigenze e necessità, dalle tue aspettative economiche future, dalla tua condizione professionale, dal grado di "rischio" che sei disposto ad accollarti, ecc.

In linea di massima, il tasso fisso ti offre la garanzia di una rata costante e fissa e di un tasso invariabile, anche in caso di oscillazioni dei tassi di mercato di riferimento (v. Euribor). Uno dei vantaggi è che permette di pianificare in maniera efficace la propria gestione economica per gli anni a venire, senza sorprese improvvise legate all'aumento dei tassi di mercato (che, nel caso del mutuo a tasso variabile, porterebbero ad un aumento degli interessi da versare alla banca mutuante). D'altronde è anche vero che il mutuo a tasso variabile, come tu stesso hai evidenziato, può essere offerto a condizioni più vantaggiose rispetto a quelle di un mutuo a tasso fisso.

Fatti consigliare da un consulente esperto, fagli presente la tua condizione economica e professionale nel dettaglio.

---

scudo
14-05-2007 10:56:55

nelle banche non si trovano i migliori tassi ma gli spead!

Marko
08-04-2007 19:48:50

RAGAZZI SAPETE SE ESISTONO MUTUI A TASSO FISSO SUPERIORI AI 30 ANNI E SE SI QUALE BANCA LI HA? GRAZIE

Eva contro Eva
03-04-2007 12:30:59

Prova con ING o con il Monte dei Paschi di Siena.

Eva

Marko
02-04-2007 20:02:59

RAGAZZI IN QUALE BANCA POSSO TROVARE IL MIGLIOR TASSO FISSO PER UN MUTUO DI 30 ANNI? AIUTATEMI

Eva contro Eva
13-03-2007 22:21:59

Se chiedi il 100% L'Unicredit non è affatto conveniente, nè sul fisso nè sul variabile.

Anche in riferimento a mutui con LTV inferiore non sono certo i migliori, al di là del fatto che impongono l'obbligo di apertura conto corrente.

Con tutto il dovuto rispetto per L'Unicredit, di cui sono cliente.

Eva

GIANGI
12-03-2007 09:07:33

Carissimo se dovessi darti un consiglio prendi un mutuo a tasso fisso,se non altro sai di che morte morire.La Banca che ti consiglio è UNICREDIT
Io ho un tasso variabile su 130000 euro in 30 anni con banca 24.7 e mi stanno massacrando ogni mese

Footer forum

Spaziomutui.com

Privacy - Cookie Policy