Mutui a confronto
Mutui a tasso fisso
Mutui a tasso variabile
Mutui a tasso misto
Mutui ordinati per banca
 

Capire i mutui
I mutui casa
Il mutuo fondiario e altri tipi di mutuo
Tasso fisso, variabile o misto ?
Il piano di ammortamento
Imposte mutuo e agevolazioni fiscali
I costi del mutuo e le spese notarili
Ipoteca
Estinzione mutuo
FAQ
Glossario
Consigli utili

 

Calcolo e stima del valore di una casa

Determinare il valore dell’immobile è l’aspetto fondamentale della fase di perizia tecnica. Infatti, in base a tale valore la banca decide la percentuale di finanziamento che è disposta a concedere al mutuatario. Tuttavia, esistono diverse tipologie di “valori dell’immobile” a cui la banca può far riferimento, che si rifletteranno dunque, su una maggiore o minor restrizione ai fini dell’erogazione del mutuo.

Valore commerciale dell’immobile: si tratta del presumibile prezzo di vendita dell’immobile.

Valore cauzionale dell’immobile: si tratta di un valore inferiore rispetto a quello “commerciale”, ed è ottenuto moltiplicando quest’ultimo per un coefficiente che tiene conto di un’eventuale vendita forzata dell’immobile. L’utilizzo di tale valore comporta, di conseguenza, un importo di mutuo inferiore.

Nel caso dei mutui S.A.L (Stato Avanzamento Lavori, solitamente per la costruzione o ristrutturazione immobili), la banca eroga il mutuo in tranche in base, appunto, allo “stato avanzamento lavori”.
In questi casi, il valore dell’immobile a S.A.L. sarà determinato sulla base di perizie effettuate in diversi periodi di tempo, in modo da considerare la variazione del valore.

Valore di ricostruzione a nuovo: rappresenta il costo di costruzione “a nuovo” dell’immobile, ed è utilizzato solo per stabilire la somma da assicurare con la polizza incendio e scoppio del fabbricato.


 

 

 

 

 

Privacy - Cookie Policy