Mutui a confronto
Mutui a tasso fisso
Mutui a tasso variabile
Mutui a tasso misto
Mutui ordinati per banca
 

Capire i mutui
I mutui casa
Il mutuo fondiario e altri tipi di mutuo
Tasso fisso, variabile o misto ?
Il piano di ammortamento
Imposte mutuo e agevolazioni fiscali
I costi del mutuo e le spese notarili
Ipoteca
Estinzione mutuo
FAQ
Glossario
Consigli utili

 

Piano di ammortamento alla francese

Nell’ammortamento "alla francese" le rate sono costanti e gli interessi sono calcolati sul capitale residuo.
Per costruire il piano di ammortamento sarà necessario calcolare per ogni periodo:

Quota interessi= capitale residuo (periodo precedente) x tasso di interesse (rapportato al periodo)
Quota capitale = rata (costante) - quota interessi
(Rata = quota interessi + quota capitale)
Capitale residuo = capitale residuo (periodo precedente) – quota capitale

Una volta calcolata la quota interessi per la prima rata, sarà possibile calcolare la quota capitale e il nuovo capitale residuo per differenza.
Dunque ne consegue un piano di ammortamento con quote interessi decrescenti, in quanto calcolate su un capitale residuo che decresce, e quote capitali crescenti, in quanto calcolate sottraendo alla rata costante una quota interessi sempre più piccola.
Sommando tutte le quote capitali si ottiene il capitale iniziale chiesto in prestito, mentre sommando tutte le quote interessi si ottiene il totale interessi da rimborsare (nel caso di un tasso fisso).
L’effetto dei tassi di interessi si avverte maggiormente nel primo periodo del piano di ammortamento, successivamente tende ad influire sempre meno sulla composizione della rata.
Siccome la maggior parte degli interessi viene corrisposto con le prime rate del mutuo, il vantaggio derivante da un’eventuale estinzione anticipata diminuisce sempre più con l’avanzare dei rimborsi.