Mutui a confronto
Mutui a tasso fisso
Mutui a tasso variabile
Mutui a tasso misto
Mutui ordinati per banca
 

Capire i mutui
I mutui casa
Il mutuo fondiario e altri tipi di mutuo
Tasso fisso, variabile o misto ?
Il piano di ammortamento
Imposte mutuo e agevolazioni fiscali
I costi del mutuo e le spese notarili
Ipoteca
Estinzione mutuo
FAQ
Glossario
Consigli utili

 

Surroga mutuo sempre a costo zero? Cosa dice la legge

La legge sulla portabilità dei mutui, che si è fin da subito dimostrata lacunosa sotto numerosi punti di vista, almeno dal punto di vista dei costi è stata chiara: chi usufruisce della surroga del mutuo non deve sostenere dei costi collegati all’operazione, fatta eccezione per alcune condizioni specifiche (come nel caso della surroga più liquidità, o se non ci si avvale dei notai convenzionati con la banca subentrante).

Ed è questa la principale discriminante che distingue la surroga dalla mera sostituzione di un contratto di mutuo che è già in corso. Quindi quali sono le spese che è lecito “sostenere” e che non rientrano in pratiche “scorrette” (come accaduto nel caso dell’Inpdap?).

I costi in caso di portabilità del mutuo ammessi

Ci sono tre voci di costo che non ci devono mai essere e cioè:

Per la perizia e l’onorario del notaio, dal momento che sono legati a soggetti esterni, la banca può operare tramite studi o professionisti convenzionati, pattuendo un costo del quale si farà carico direttamente, oppure stabilendo una cifra massima (definita con i propri professionisti convenzionati) che rimborserà a quei mutuatari che scelgono di avvalersi di professionisti di propria fiducia.

In questa seconda ipotesi, se l’onorario richiesto dal perito o dal notaio eccederà la cifra indicata dalla banca questa non sarà tenuta a pagare una somma maggiore, ma solo quella standard, e della differenza deve farsi carico il mutuatario stesso.

Invece per i costi di assicurazione bisogna vedere se traslocare l’assicurazione oppure chiederne il rimborso e stipularne una nuova. Se si fa un contratto che permette di ottenere nuova liquidità, allora questo si affiancherà a quello della surroga e solo per quest’ultimo ci sarà la legittimità del pagamento delle spese di istruttoria e altri costi accessori previsti.

Tassi più convenienti con l’Inpdap: chi paga le spese di surroga?

Inizialmente l’Inpdap non si è adeguata alla normativa lasciando che fossero i mutuatari a pagare notaio ed a farsi carico delle spese di gestione fisse pari allo 0,50% dell’importo richiesto. Tuttavia l’Antitrust ha multato l’ex Istituto di previdenza dei lavoratori pubblici, specificando che una surroga, in quanto tale, non può portare al pagamento di spese di ‘simil istruttoria’, e notarili, al pari di ogni altra banca o finanziaria.

Torna alla pagina principale: Guida surroga mutui.


 

 

 

 

 

Privacy - Cookie Policy