Mutui a confronto
Mutui a tasso fisso
Mutui a tasso variabile
Mutui a tasso misto
Mutui ordinati per banca
 

Capire i mutui
I mutui casa
Il mutuo fondiario e altri tipi di mutuo
Tasso fisso, variabile o misto ?
Il piano di ammortamento
Imposte mutuo e agevolazioni fiscali
I costi del mutuo e le spese notarili
Ipoteca
Estinzione mutuo
FAQ
Glossario
Consigli utili

 

Agevolazioni per la ristrutturazione della casa

I proprietari degli immobili che effettuano lavori di ristrutturazione, possono godere della detrazione d’imposta Irpef del 50% (valore in aumento rispetto al 36% previsto nel 2013).

Le condizioni necessarie per usufruire della detrazione (vedi Bonus ristrutturazioni) sono:

  • l’importo massimo di spesa su cui calcolare la detrazione è pari a 48.000 euro per unità immobiliare;
  • la detrazione deve essere ripartita in 10 quote annuali equivalenti, fatta eccezione per coloro che hanno superato i 75 anni di età (80 per i titolari di altri diritti reali sull’immobile) i quali possono ripartire la detrazione in 5 anni (3);
  • se l’intervento oggetto della detrazione è una prosecuzione di lavori iniziati dopo il primo gennaio 2002, i costi già sostenuti concorrono al calcolo del limite di 48.000 euro precedentemente indicato;
  • l’impresa esecutrice deve indicare distintamente il costo per manodopera in fattura.

Godono della detrazione tutti gli interventi di manutenzione straordinaria (vedi anche Costo ristrutturazione casa), i restauri e le ristrutturazioni per i singoli appartamenti e gli immobili condominiali, gli interventi a favore dei portatori di handicap, le opere volte ad evitare gli infortuni domestici e le installazioni di sistemi di sicurezza.

Per usufruire della detrazione bisogna:

  • comunicare l’inizio dei lavori all’Agenzia delle entrare inviando l’apposito modulo a mezzo raccomandata;
  • comunicare l’inizio dei lavori all’Azienda Sanitaria Locale competente, qualora sia previsto tale obbligo;
  • pagare le spese detraibili tramite bonifico indicando la causale del versamento, il codice fiscale del soggetto ordinante i lavori e la partita IVA (o codice fiscale) di chi li esegue.

Infine abbiamo i lavori di riqualificazione energetica, che mirano a migliorare l’efficienza energetica dell’intero edificio come l’installazione di pannelli fotovoltaici o solari termodinamici, gli impianti di riscaldamento, infissi e strutture opache verticali e orizzontali. Tutti questi interventi godono della detrazione IRPEF del 65% nel 2014 (mentre dall’1 Gennaio del 2015 scenderà al 50%).

Per tali detrazioni occorre sempre inviare richiesta all’Agenzia delle Entrate ma c’è bisogno anche della certificazione energetica rilasciata dalla propria Regione, e della comunicazione di alcuni documenti all’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile).

Approfondimento: Recupero edilizio.


 

 

 

 

 

Privacy - Cookie Policy