Mutui a confronto
Mutui a tasso fisso
Mutui a tasso variabile
Mutui a tasso misto
Mutui ordinati per banca
 

Capire i mutui
I mutui casa
Il mutuo fondiario e altri tipi di mutuo
Tasso fisso, variabile o misto ?
Il piano di ammortamento
Imposte mutuo e agevolazioni fiscali
I costi del mutuo e le spese notarili
Ipoteca
Estinzione mutuo
FAQ
Glossario
Consigli utili

 


Cos’è l’IRS (Eurirs)?

L’IRS (Interest Rate Swap, anche Eurirs – IRS area euro) è il parametro di riferimento per i mutui a tasso fisso. Esso varia in funzione della durata, per cui avremo IRS a 1 anno (IRS 1y), 2 anni, 10 anni, 20 anni, ecc.
All’aumentare del periodo di riferimento aumenta il suo valore, pertanto l’IRS 1y sarà inferiore all’IRS 10y e così via.

Le quotazioni dell’IRS sono legate all’andamento del mercato dei tassi a lungo termine, e generalmente sono superiori all’Euribor.

Attenzione alla variazione del tasso IRS !
Considerando che le quotazioni del parametro IRS variano giornalmente, è necessario prestare attenzione in due casi particolari:

all’atto della sottoscrizione di un mutuo a tasso fisso: in caso di particolari tensioni di mercato potrebbe esserci una sostanziale differenza tra il tasso fisso stabilito con la banca e quello effettivamente applicato al mutuo. Il valore effettivo assunto dal tasso (IRS), infatti, sarà noto solo il giorno in cui viene stipulato l’ atto notarile Salvo, naturalmente, particolari casi in cui la banca può offrire determinate condizioni di favore.

mutui con opzione sul tasso: quando il contratto di mutuo prevede la possibilità di modificare il tasso a determinate scadenze, bisogna considerare il valore assunto dal parametro di riferimento, sia nel caso si decida di proseguire a tasso variabile (euribor), sia nel caso si decida di continuare con il tasso fisso; infatti, anche in quest’ultimo caso il tasso fisso non sarà più quello iniziale, ma si adeguerà al valore attuale assunto dall’Euroirs.


 

 

 

 

 

Privacy - Cookie Policy