Mutui a confronto
Mutui a tasso fisso
Mutui a tasso variabile
Mutui a tasso misto
Mutui ordinati per banca
 

Capire i mutui
I mutui casa
Il mutuo fondiario e altri tipi di mutuo
Tasso fisso, variabile o misto ?
Il piano di ammortamento
Imposte mutuo e agevolazioni fiscali
I costi del mutuo e le spese notarili
Ipoteca
Estinzione mutuo
FAQ
Glossario
Consigli utili

 

Mutuo per liquidità o Mutuo cash

Oggi chi possiede un appartamento (non ipotecato) può ottenere un prestito garantito dal proprio immobile a un tasso molto più vantaggioso rispetto ad un prestito tradizionale (prestito personale senza garanzie reali), e può impiegare la somma senza dare alcuna giustificazione. Tuttavia il tasso di interesse sarà sempre più alto rispetto ad un mutuo tradizionale finalizzato all’acquisto di un’abitazione (in genere fino allo 0,20% o 0,30 % in più).
Si tratta quindi di un prodotto ibrido, a metà strada tra un mutuo ipotecario e un prestito personale.
Di contro, il mutuo cash richiede un insieme di spese (atto notarile, istruttoria, perizia, assicurazione, ecc.) che potrebbe superare (ma non è detto) il risparmio ricavato in termini di interessi, rispetto ad un prestito personale. Dunque, prima di sottoscrivere un contratto bisogna valutare con attenzione tutti i pro e i contro delle singole proposte. In genere, il mutuo liquidità è conveniente per somme superiori a 30.000,00 euro.

L’importo massimo del mutuo liquidità varia sostanzialmente in relazione alla capacità di rimborso del mutuatario (storia creditizia, reddito mensile, altri finanziamenti in corso, ecc.) e al valore dell’immobile (in genere fino al 60%, 80% del valore di mercato).
Riguardo al valore di mercato, è bene sottolineare che un immobile si rivaluta nel tempo, pertanto, oggi un immobile avrà un valore più che raddoppiato rispetto a 15 anni fa !

Vantaggi e svantaggi del mutuo liquidità
Rispetto ad un prestito personale il mutuo liquidità offre:

Tassi più contenuti vs tassi 3 o 4 volte superiori !
Importi più elevati (calcolati sul valore attuale della casa) vs importi massimi di 30.000 euro
Durate più elevate (fino a 40 anni) vs durate massime di 10 anni; dunque possibilità di ottenere rate più basse nonostante la presenza di costi più elevati (notaio, istruttoria, assicurazioni, ecc., possono essere “diluiti” in un maggior numero di anni)
Di contro, l’accesso al mutuo (considerato ben più rischioso) è molto “difficoltoso”, sia in termini di tempi (il prestito personale è ottenibile in 24 ore) che di valutazione dell’affidabilità creditizia (in genere il prestito personale è concesso con più facilità).
 
La paura di perdere la casa !
Se il timore di stipulare un mutuo risiede nella sola possibilità di “perdere la casa”, bisogna considerare che anche in caso di prestiti personali il mancato pagamento delle rate potrebbe indurre la banca ad avviare un’esecuzione immobiliare, con possibile pignoramento anche della casa. Naturalmente costi e tempi elevati delle procedure il più delle volte scoraggiano i creditori ad intraprendere l’azione esecutiva, soprattutto in caso di importi non rilevanti (molto più agevole il recupero crediti o la cessione del credito).
L’ipoteca di primo grado, invece, offre alle banche una maggior garanzia.

Quello che le banche non finanziano !
Anche se il mutuo liquidità non richiede alcuna giustificazione sull’impiego della somma, si deve sempre ricordare che le banche sono assolutamente contrarie a finanziare chi intende utilizzare le somme per:

  • speculazioni finanziarie
  • estinguere debiti in sofferenza

Nessuna banca è favorevole all’impiego rischioso del finanziamento: ad es. per finanziare un’attività (rischio di credito = rischio di fallimento attività) o per sanare debiti in sofferenza (la banca si accollerebbe il rischio della probabile insolvenza del debitore).