Mutui a confronto
Mutui a tasso fisso
Mutui a tasso variabile
Mutui a tasso misto
Mutui ordinati per banca
 

Capire i mutui
I mutui casa
Il mutuo fondiario e altri tipi di mutuo
Tasso fisso, variabile o misto ?
Il piano di ammortamento
Imposte mutuo e agevolazioni fiscali
I costi del mutuo e le spese notarili
Ipoteca
Estinzione mutuo
FAQ
Glossario
Consigli utili

 


Mutui a rimborso autonomo del capitale

Si tratta di un contratto di mutuo estremamente flessibile che consente una certa autonomia nel rimborso del capitale.
Il mutuatario, infatti, entro determinati limiti può decidere liberamente l’importo della rata e pianificare in modo strategico un ammortamento personalizzato.

Limiti del rimborso autonomo:

  • Rata minima: non è possibile costruire una rata che vada al disotto della quota interessi maturata.
  • Rientro del capitale: obbligo di restituire determinate porzioni di capitale entro scadenze fisse contrattuali.

Generalmente, il mutuo a RIMBORSO AUTONOMO DEL CAPITALE è indicato quando:

  • si è in grado di gestire egregiamente il proprio bilancio
  • si prevede un aumento del proprio reddito
  • si prevede un rientro coerente del capitale residuo

 

Attenzione al rimborso del capitale !
Rinviare il rimborso del capitale comporta un aumento del costo totale del mutuo; si consideri infatti che gli interessi vengono sempre calcolati sul capitale residuo.

Dunque, rimborsare esclusivamente la rata minima per diverse rate, equivale a rimborsare solo gli interessi maturati, lasciando intatto l’ammontare del capitale residuo.
Dal punto di vista dei costi tale mutuo è adatto solo a chi è in grado di programmare consistenti e periodici rimborsi di capitale, al fine di ridurre (e non aumentare) l’ammontare degli interessi.


 

 

 

 

 

Privacy - Cookie Policy