Mutui a confronto
Mutui a tasso fisso
Mutui a tasso variabile
Mutui a tasso misto
Mutui ordinati per banca
 

Capire i mutui
I mutui casa
Il mutuo fondiario e altri tipi di mutuo
Tasso fisso, variabile o misto ?
Il piano di ammortamento
Imposte mutuo e agevolazioni fiscali
I costi del mutuo e le spese notarili
Ipoteca
Estinzione mutuo
FAQ
Glossario
Consigli utili

 

Detrazioni bonus mobili 2016: possibile proroga per il 2017?

Il bonus mobili è stato prorogato fino a tutto il 2016, e visto il trend di rinnovo di anno in anno (dal 2013 al 2014, da questo al 2015, e quindi al 31 dicembre del 2016) ci sono delle serie possibilità di usufruire di un ulteriore anno di rinnovo (per il 2017).

Recentemente l’Agenzia delle Entrate ha voluto ribadire i criteri e le condizioni per poterne usufruire, con le indicazioni specifiche tanto per il bonus mobili giovani coppie che quello ‘generale’, ribadendo soprattutto che le due tipologie non sono cumulabili tra loro.

Il bonus per i lavori condominiali o sulle unità singole

Il bonus mobili generale è previsto per tutti coloro che hanno un diritto abitativo o di proprietà su un immobile che viene sottoposto a ristrutturazione straordinaria (vedi anche Cila). Per quanto riguarda le limitazioni è previsto che:

  • i lavori di ristrutturazione devono essere iniziati non prima del 26 giugno 2013;
  • l’importo massimo detraibile, fino a 10 mila euro, vale per unità immobiliare (vedi anche Miglior prestito da 10000 euro).

Le spese ammesse alla detrazione fiscale sono quelle di arredo (anche per ambienti diversi da quelle in cui sono stati fatti gli interventi), e i grandi elettrodomestici di classe energetica A+ (solo per i forni almeno A), in misura pari al 50% delle spese sostenute e comunque fino a 10 mila euro.

Come tempistica l’esborso (che può avvenire tramite normale bonifico, non essendo richiesto quello parlante, oppure bancomat o carta di credito) deve avvenire dopo l’inizio dei lavori. I lavori ammessi sono, come detto, solo di manutenzione straordinaria per le singole unità, mentre nel caso dei condomini sono accettati anche quelli di manutenzione ordinaria.

Caratteristiche e requisiti per richiedere il bonus per le giovani coppie

Il bonus mobili specifico per le giovani coppie (si intendono coppie coniugate o che possano dimostrare una convivenza di almeno 3 anni, anche tramite autodichiarazione), oltre a prevedere un importo differente si fonda anche su presupposti diversi, richiedendo come requisito principale l’acquisto di un immobile che deve diventare (entro massimo il 2017) l’abitazione principale. Inoltre, almeno uno dei due giovani non deve aver più di 35 anni (da compiersi al massimo entro la fine del 2016).

Le spese detraibili sono solo quelle dei mobili di arredo (esclusi gli elettrodomestici), in misura pari al 50% della spesa complessivamente sostenuta, ma fino a 16 mila euro. Anche in questo caso le modalità di pagamento non impongono il bonifico parlante, ma sono accettati: bonifico ordinario, carta di debito oppure di credito.

Ciò che accomuna le due tipologie di bonus mobili sono:

  • recupero del 50% della spesa sostenuta;
  • restituzione in 10 tranche annuali sulla dichiarazione dei redditi.

 

Vai all'indice delle news


 

 

 

 

 

Privacy - Cookie Policy