Mutui a confronto
Mutui a tasso fisso
Mutui a tasso variabile
Mutui a tasso misto
Mutui ordinati per banca
 

Capire i mutui
I mutui casa
Il mutuo fondiario e altri tipi di mutuo
Tasso fisso, variabile o misto ?
Il piano di ammortamento
Imposte mutuo e agevolazioni fiscali
I costi del mutuo e le spese notarili
Ipoteca
Estinzione mutuo
FAQ
Glossario
Consigli utili

 

Ottenere un finanziamento da 500 euro: le alternative al fido

All’interno del settore dei finanziamenti spesso si rilevano delle anomalie che non incontrano nessun favore dalla logica ‘economica’, come il caso di un prestito di 500 euro, che diventa quasi impossibile da ottenere anche rivolgendosi alle più famose finanziarie (sia Agos che Compass partono da importi superiori, come soglia minima finanziabile).

CONFRONTA 3 PREVENTIVI DI PRESTITO

Questo a meno di sfruttare delle alternative che comunque non sono carenti. Al potenziale richiedente può sembrare strano che un prestito di 500 euro, che potrebbe essere concesso praticamente senza garanzie ed in modo molto veloce, possa essere difficile da reperire. La ragione è dovuta allo scarso guadagno che questo finanziamento garantisce all’istituto di credito il che, al di fuori di accordi con negozianti che sfruttano altre logiche di convenienza, lo rende poco appetibile e quindi escluso dalle offerte.

Quali alternative?

La prima alternativa è indubbiamente rappresentata dalle carte revolving che, in più, hanno il vantaggio di costituire una riserva di denaro sempre disponibile. Di contro, tranne alcune eccezioni, la durata delle rate di restituzione della somma prelevata come anticipo contante o usata per fare un acquisto, non sono molto numerose (dai 6 mesi ai 24 rimborsi).

La rata è sempre piuttosto contenuta e, l’applicazione di interessi più elevati rispetto ad un prestito personale di importo maggiore, viene compensato, in positivo, dall’uso dell’ammortamento alla francese (minore è la durata del piano di rimborso e minore è l’ammontare di interessi da restituire a rimborso ultimato).

Esistono anche delle carte revolving che al di sopra di alcune soglie permettono di rateizzare senza pagare interessi, o che prevedono di poter accreditare le somme di cui si ha bisogno sul proprio conto, senza dover pagare alcuna commissione di anticipo contante.

L’apertura di credito in c/c

Si tratta di un’altra situazione particolare, ma che per una somma di soli 500 euro può essere concessa senza garanzie, se non la titolarità del conto corrente. In questo caso gli interessi si pagano solo sulle somme utilizzate e non è prevista una tempistica di rientro, anche se è bene entrare nell’ottica di accantonare piccole somme per ridurre via via lo stato debitorio, e abbassare l’importo di interessi che vengono liquidati trimestralmente dalla banca stessa.


 

 

 

 

 

Privacy - Cookie Policy