Mutui a confronto
Mutui a tasso fisso
Mutui a tasso variabile
Mutui a tasso misto
Mutui ordinati per banca
 

Capire i mutui
I mutui casa
Il mutuo fondiario e altri tipi di mutuo
Tasso fisso, variabile o misto ?
Il piano di ammortamento
Imposte mutuo e agevolazioni fiscali
I costi del mutuo e le spese notarili
Ipoteca
Estinzione mutuo
FAQ
Glossario
Consigli utili

 

Ipoteca e pignoramento Equitalia: rischi e conseguenze

L’iscrizione di ipoteca su un immobile da parte di Equitalia, può essere effettuata qualora ricorrano determinate situazioni, nel rispetto del limite, rimasto invariato, dei 20 mila euro (come soglia minima di valore della cartella).

Si può iscrivere l’ipoteca sulla prima casa?

La risposta è affermativa, ma bisogna sempre considerare l’importante differenza tra la prima casa e gli immobili che non lo sono, con la sola eccezione delle prime case che rientrino nella categoria di lusso, che vengono considerate al pari delle seconde case.

Va fatta però la differenza tra pignoramento e iscrizione dell’ipoteca, in quanto la soglia dell’importo della cartella per poter procedere al pignoramento deve essere comunque pari ad almeno 120 mila euro, e devono essere trascorsi almeno 6 mesi da quando il debitore doveva provvedere al pagamento senza che ciò sia avvenuto. In tutti i casi, prima di procedere all’iscrizione dell’ipoteca, Equitalia deve dare avviso al debitore, che ha tempo ulteriori 30 giorni per pagare o chiedere la rateizzazione del debito, oppure provare ad ottenerne la sospensione.

I casi particolari

Possono capitare delle situazioni poco chiare, come il caso di una ipoteca da mettere su un immobile indiviso. In questo caso Equitalia può procedere, fermi restando i limiti detti sopra, ma nel limite delle quote di possesso di ciascun soggetto proprietario.

In caso di passaggio alla procedura di pignoramento, dato che i non debitori non possono andare incontro a una situazione pregiudizievole, il giudice vedrà se ci sono delle possibili alternative prima di far mettere il bene immobile all’asta, come la ricerca di un possibile acquirente della sola quota spettante al contribuente.

Se ciò non fosse possibile è possibile arrivare alla vendita all’incanto, ma anche in questo caso a ogni proprietario verrà dato il valore ricavato ‘proquota’, mentre quella spettante al debitore viene versata a Equitalia. Il rischio è però che non ci sia soddisfazione dell’intero debito.

Infine c’è la questione del fondo patrimoniale, che può vedere una parte dei beni sottoposti ad iscrizione dell’ipoteca di Equitalia, anche se i relativi debiti sono sorti per lo svolgimento dell’attività di impresa. Di contro il fondo stesso ha finalità di sostenere il nucleo familiare ed i suoi bisogni e perciò non mancano situazioni in cui, viste caso per caso, è possibile opporsi a tale decisione.

Torna a Guida ipoteca e garanzie mutuo.


 

 

 

 

 

Privacy - Cookie Policy