Mutui a confronto
Mutui a tasso fisso
Mutui a tasso variabile
Mutui a tasso misto
Mutui ordinati per banca
 

Capire i mutui
I mutui casa
Il mutuo fondiario e altri tipi di mutuo
Tasso fisso, variabile o misto ?
Il piano di ammortamento
Imposte mutuo e agevolazioni fiscali
I costi del mutuo e le spese notarili
Ipoteca
Estinzione mutuo
FAQ
Glossario
Consigli utili

 

Rinegoziazione mutuo con Ubi Banca: come procedere e quando è possibile

La rinegoziazione del mutuo con Ubi Banca può essere affrontata in una duplice ottica. In primis quella legata ai mutui a tasso misto per i quali ciclicamente è necessario decidere se “rinegoziare” il tasso passando da quello fisso a quello variabile, o viceversa, a seconda dell’opzione sottoscritta. Si tratta quindi di una tipologia di “rinegoziazione” prevista nei contratti di mutuo e non rivolta a strappare condizioni migliori rispetto a quelle previste appunto dal contratto.

Proprio per questo non va confusa, come procedura, con l’iter che si può instaurare con la propria banca (in questo caso Ubi Banca), per poter modificare alcune voci presenti nei contratti, che però non sono più convincenti o convenienti, date le condizioni mutate sia a livello personale che nel mercato stesso dei mutui (come ad esempio un forte abbassamento dei tassi d’interesse).

E’ possibile?

Anche sotto questo punto di vista va fatta una distinzione tra le due situazioni indicate poc’anzi. Come già detto, infatti, nel primo caso si tratta di una possibilità e di un obbligo previsto nel contratto, mentre nel secondo di una possibilità che si può cercare di cogliere, ma il cui esito dipende dalla disponibilità della banca, dal rapporto con la filiale, ecc. Quindi in linea teorica anche questa seconda ‘via’ è possibile, trattandosi tra l’altro di una modalità prevista dalle leggi sui contratti, ma per conoscerne la fattibilità bisogna rivolgersi alla propria filiale.

Come migliorare le condizioni?

La procedura di rinegoziazione mira a migliorare le condizioni del proprio contratto di mutuo, e quindi a ottenere uno spread più contenuto, oppure delle modifiche su costi di gestione ecc. Costituisce sulla carta la soluzione più semplice da attuare, ma se non si dovesse riuscire nell’intento non rappresenta fortunatamente l’unica alternativa. Infatti ci sono sempre le possibilità della surroga o della sostituzione. A loro volta queste due opportunità presentano delle notevoli differenze, anche perché la surroga, se si è mutuatari Ubi Banca va fatta con un’altra banca, mentre la sostituzione può essere fatta sempre con lo stesso istituto di credito. A differenza della rinegoziazione è però necessario farsi carico dei costi di una nuova valutazione e di nuove perizie, oltre a quelli per il notaio. Quindi prima di procedere bisogna informarsi con molta attenzione e sfruttare i preventivi gratuiti.

Quali strumenti offre la banca?

Se si è già mutuatari e si desidera rinegoziare il mutuo Ubi Banca, si deve quindi andare nella propria filiale, far presente le motivazioni per le quali si vuole richiedere la modifica di una o più parti del contratto esistente. Sulla base delle risposte che si ottengono sarà possibile avviare l’iter che deve avvenire in forma scritta con e-mail preferibilmente da Pec oppure lettere raccomandate, ricordando però che la banca non ha alcun obbligo a modificare un contratto già firmato (N.b. se c’è totale chiusura in questa prima fase di dialogo è inutile spendere i soldi anche di eventuali raccomandate).

Se invece si hanno necessità particolari o si vogliono fare modifiche sostanziali al contratto (ad esempio cambiare gli intestatari, i garanti, ecc), allora si deve per forza seguire la strada della sostituzione. La banca applicherà le condizioni di mercato di quel momento, e i margini di negoziazione sono inesistenti. In questo casi si deve richiedere un preventivo come se si fosse un nuovo cliente. Ribadiamo ancora una volta che il contratto di mutuo sarà del tutto nuovo, con:

Surroga con Ubi Banca

Ubi Banca è molto attiva nella surroga o meglio nell’erogazione dei mutui con la garanzia di ipoteca “con surrogazione”. Questa soluzione riguarda solo coloro che trasferiscono il loro mutuo, che si ha con un’altra banca, presso una delle filiali del gruppo Ubi. A riguardo l’istituto di credito ha creato un apposito calcolatore, che offre una pre-indicazione di massima sulle condizioni che potranno essere applicate:

Il tool nel complesso è ben fatto e ha il merito di non imporre registrazioni o inserimento di dati personali.

Il calcolatore può aiutare a fare una scrematura a monte all’interno delle varie tipologie di mutuo, considerato che Ubi Banca prevede la possibilità di procedere con una surroga (e anche con la sostituzione) con quasi ogni tipo di mutuo che propone, e la lista è piuttosto lunga. Al 9 gennaio infatti troviamo:

  • Tasso Variabile;
  • Tasso Fisso;
  • Mutuo Replay;
  • Mutuo Sempre Light;
  • Mutuo Open;
  • Mutuo Profix;
  • Mutuo Serie Flessibile.

Esempio

In data 9 gennaio 2019, sul sito di Ubi Banca troviamo un esempio esemplificativo di una surroga optando per la versione del mutuo Sempre Light, con le seguenti caratteristiche:

  • Tasso Fisso di 100.000 (con indice Indice IRS 10 anni)
  • durata di 10 anni,
  • LTV: 50% del valore dell’immobile.

I dati principali con questi parametri risultano:

  • TAN Fisso all’1,30%
  • TAEG all’1,31%
  • Spread pari a 0,45%
  • rata mensile fissa a 889,10 Euro (ferme per tutte le 120 mensilità)
  • Importo totale dovuto al termine del piano di ammortamento: 106.703,10 euro​, con un totale interessi pari a 6.692,00 euro
  • spese di istruttoria, imposta sostitutiva, perizia e spese incasso rata pari a zero.

Contatti

Se si desidera ottenere una consulenza da uno specialista si può compilare il form presente sul sito per venire ricontattati. Se non si ama usare il contatto tramite form si può anche chiamare il numero verde Ubi Banca 800.500.200 oppure avviare la chat sul sito scegliendo Specialista Mutui.

Indipendentemente dal canale utilizzato il cliente sarà aiutato da un un consulente specializzato sui mutui. Nel caso di surroga e sostituzione si potrà contare su un preventivo personalizzato e su un primo giudizio di fattibilità. Tutto ciò potrà meglio orientare nella scelta tra la rinegoziazione del mutuo in corso (come nel caso di un mutuo Open che prevede la possibilità di passare da un tasso all’altro a scadenze di 2 anni) o la sostituzione, oppure fare scelte più mirate alle esigenze del momento sia personali che familiari.

Torna alla pagina principale Guida Rinegoziazione del mutuo


 

 

 

 

 

Privacy - Cookie Policy